Browsing "Politica"
Dic 24, 2014 - Politica    No Comments

AGENDO: newsletter n°08 – dicembre 2014

albero_buone feste-felice 2015x

 ……….

… a fine anno è consuetudine fare il punto sulle iniziative realizzate e, con uno sguardo all’anno che viene, parlare di quelle che ci attendono. Con la nostra newsletter AGENDO:, abbiamo cercato di stabilire e mantenere un contatto con i cittadini di Origgio, informandoli su alcune questioni generali, non trascurando quelle locali e le attività messe in campo da nostro gruppo.

Scarica il documento competo: AGENDO n°08 dicembre 2014_141222

Crediamo che AGENDO: sia stato uno strumento utile per rimanere in contatto; sarebbe interessante per noi avere un riscontro con i vostri suggerimenti e anche le critiche costruttive.

Come già comunicato in precedenza, stiamo lavorando per presentare le nostre proposte per le elezioni comunali che si svolgeranno nella primavera del 2015. Abbiamo parlato di Urbanistica e di Bilancio, nel primo incontro pubblico del 24 ottobre scorso;   contemporaneamente   abbiamo   annunciato, Insieme per Origgio e Partito Democratico, di aver dato vita a ORIGGIO DEMOCRATICA;

di Lavoro e attività produttive si è parlato nell’incontro che abbiamo organizzato lo scorso 10 dicembre. Abbiamo già programmato di organizzare ancora due incontri con i cittadini, febbraio/marzo 2015 per discutere di:

  1. 1.       Welfare, Lavoro, Servizi Sociali, Opere Pubbliche e Beni Comuni,
  2. 2.       Pubblica Istruzione, cultura e Tempo Libero.

Contiamo sulla vostra partecipazione e sul vostro contributo di Idee e Progetti per mettere in atto quel cambiamento necessario a migliorare la qualità della gestione del nostro Comune, migliorare la qualità dei servizi erogati e migliorare la qualità della vita degli origgesi.

A tutti i cittadini di Origgio, ORIGGIO DEMOCRATICA, Insieme per Origgio e Partito Democratico,  augurano un Sereno Natale e Felice Anno Nuovo.

Set 25, 2014 - opinioni, Politica    No Comments

AGENDO: La newsletter del PD di Origgio e Insieme per Origgio (n°06 settembre 2014).

AGENDO n° 6VILLA BORLETTI: UN CANTIERE APERTO, PER QUANTI ANNI ANCORA?  Una storia infinita, sulla quale si potrebbe scrivere un libro e che, da circa un ventennio, vede girarci intorno le stesse persone che, con funzioni diverse, hanno determinato le scelte e anche le non scelte su questo pezzo di storia locale

DIFENDERE I CENTRI STORICI.  Per fermare l’abbandono dei centri storici: incentivi fiscali e semplificazioni burocratiche per l’apertura di attività artigianali, ricettive e commerciali consone alla vocazione architettonica dei luoghi e maggiori sgravi fiscali per chi abita e restaura la propria casa all’interno di un centro storico.

ALBO DELLE ASSOCIAZIONI: MEGLIO TARDI CHE MAI. E vero, come dice il vice sindaco Evasio Regnicoli, (notiziario di venerdì 29 agosto 2014) che rispetto alla questione che riguarda le Associazioni ci son ben altri problemi da affrontare. E noi aggiungiamo:”Ma se conosce i problemi, perché non riesce a trovare le soluzioni?”. Insieme per Origgio ed il Partito Democratico in diverse occasioni hanno avuto modo di chiedere all’amministrazione un intervento sui temi più importanti che interessano la nostra comunità. Dalla formazione della Commissione anticrisi per i problemi legati al lavoro ed alla occupazione nel nostro Comune, alla viabilità nel centro del paese; dalla Villa Borletti alla Scuola Materna.

ORIGGIO: AREE RECINTATE PER SGAMBATURA CANI. Lunedì 1 settembre è stata consegnata, all’attenzione del sindaco Panzeri e per conoscenza ai Capigruppo Consiliari, la petizione per richiedere una o più aree recintate per sgambatura cani. L’iniziativa, promossa dall’associazione XOriggio, ha raccolto l’adesione di oltre 250 cittadini di Origgio. Crediamo siano molto di più gli origgesi che sentono la necessità di portare i loro cani in aree attrezzate che possano favorire la socializzazione e l’addestramento in sicurezza e tranquillità.

LA BUONA SCUOLA IN 12 PUNTI. “La buona scuola. Facciamo crescere il Paese” è il frutto del lavoro portato avanti congiuntamente, tra luglio e agosto 2014, dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini.

L’ABBANDONO SCOLASTICO. È cominciato un altro anno scolastico. A leggere i dati sulla scuola di oggi e confrontarli con quelli di mezzo secolo fa (50 anni), c’è da rabbrividire.

TRASFORMIAMO INSIEME ORIGGIO. Durante gli incontri settimanali di lunedì e da settembre anche di giovedì, il Circolo del PD e la Lista Civica hanno iniziato la preparazione del programma elettorale, che sarà discusso negli incontri pubblici con i cittadini a partire da fine ottobre.

Scarica il documento in formato pdf al link: AGENDO: n°06 settembre 2014

Apr 2, 2014 - Politica    No Comments

SENATO: IL DOPOLAVORO DEI SINDACI?

ParlamentoLa risolutezza con cui Renzi sta portando avanti la battaglia di rinnovamento della politica e delle istituzioni, e soprattutto il modo di proporre i vari argomenti, produce in me un po’ di perplessità! Ho fiducia, però, che lo stimolo prodotto, porti finalmente a termine riforme essenziali per ammodernare il Paese.

Chiara è, infatti, per tutti (o quasi tutti) la necessità di superare il bicameralismo paritario (perfetto), giustamente voluto dai costituenti nel tempo in cui la democrazia da noi muoveva i primi passi, è meno chiaro, però, cosa sarà esattamente il Senato “non elettivo” di domani. Di cui non basta dire, a mio avviso, che costerà meno di quello attuale e che non dovrà più dare la fiducia o la sfiducia al governo o un voto al bilancio dello Stato e di cui è importante stabilire con precisione maggiore la composizione, ruolo e funzioni. L’introduzione della sfiducia costruttiva può essere la soluzione a evitare che le legislature non durino l’intero quinquennio.

Un Senato “non elettivo” mi trova in assoluto disaccordo; penso che debbano essere i cittadini a eleggere, nei territori, i propri rappresentanti. Questo é un punto su cui riflettere, altri che condivido pienamente sono messi in risalto nell’ intervista a l’Unità  di oggi da Luciano Violante.

Violante afferma: […] “Premesso che ci sarà uno scarto di rappresentanza molto forte tra Camera di 630 deputati e il Senato di 148, bisogna esaminare con attenzione come cambiare l’elezione dei membri del CSM e quella del Capo dello Stato. Con questi numeri c’è il rischio che l’elezione sia decisa dalla sola Camera. Così come per il Quirinale è necessario integrare il collegio dei grandi elettori. Con un sistema di voto fortemente maggioritario, c’è il rischio che un partito con il 30% di voti o anche meno diventi il dominus non solo del Governo ma nell’elezione di questi organismi e del Capo dello Stato. Servono dei contrappesi per garantire un maggiore equilibrio costituzionale. Sarebbe opportuno consentire un ricorso preventivo alla Corte Costituzionale da parte di minoranze qualificate nei confronti di leggi che presentano difetti di costituzionalità, prima della loro promulgazione. Questo per equilibrare lo strapotere della maggioranza che vince le elezioni. In questo senso si potrebbe dare più forza alle proposte di legge d’iniziativa popolare, su alcune materie specifiche, con l’ipotesi di un referendum propositivo, nel caso la legge popolare sia bocciata dalla Camera” […].

Per fare una buona riforma, occorre ascoltare tutti, togliere i paletti “irrinunciabili” e soprattutto non si può dare l’out-out, “prendere o lasciare”, ai Parlamentari, che son lì per fare buone leggi non solo a votare.

Cavalcare l’antipolitica a me non piace e non m’incanta chi lo fa! Io non sono d’accordo che i Senatori non siano eletti direttamente dai cittadini e che la funzione sia svolta senza nessuna indennità! Perché i Senatori dovrebbero svolgere la loro funzione senza che gli sia riconosciuta un’indennità? Forse perché il lavoro svolto non è importante o meritevole? Perché i Senatori devono svolgere un’altra funzione o doppio incarico? Fare il Sindaco part-time significa svolgere meglio l’incarico? Perché i senatori dovrebbero avere indennità differenti l’uno dall’altro? Il sindaco percepirebbe indennità che varierebbe dai 900 ai 5000 il Consigliere o presidente regionale da 6600 senza contare i deputati che partono da 10000? Un Sindaco potrà permettersi di assumere un/una segretaria (portaborse) per espletare meglio il mandato o deve fare tutto da solo? Non funziona! Al Senatore va riconosciuta un’indennità ed evitare il doppio incarico! Soprattutto occorre dare la possibilità ai cittadini di eleggere il proprio Senatore! Occorre superare la stagione delle nomine, che con il Porcellum ha raggiunto il suo apice. É necessario dare più voce ai cittadini e meno alle segreterie di partito.  #senatoNOdopolavoro il Senato non deve essere un dopolavoro.

Sono fiducioso che se ci sarà la volontà di portare a termine l’iter parlamentare per modificare l’attuale bicameralismo, all’interno di un dialogo costruttivo che deve svolgersi, nel Parlamento e nel Paese, senza preclusioni e senza sottorifugi, nei prossimi mesi, in tempi ragionevoli, sarà una buona riforma. Distruggere una cosa che non funziona più, è molto più facile che costruire qualcosa di nuovo che funzioni bene. Soprattutto se il nuovo di cui si tratta deve corrispondere ai bisogni di un Paese affannosamente alla ricerca di un nuovo punto di equilibrio. Da raggiungere con la serenità del dialogo. Di cui è sempre sbagliato avere paura.

Dic 19, 2013 - Politica    No Comments

Io, uno dei due.

StemmaIl Bilancio di Previsione è il documento di pianificazione economica e di programmazione politica predisposto dell’Amministrazione che coordina l’intera macchina comunale.
Il bilancio di previsione, ai sensi dell’art. 151 del TUEL (d.lgs. n. 267/2000), dovrebbe essere deliberato entro il 31 dicembre dell’anno precedente a quello di riferimento. Tale termine è stato sistematicamente differito – con ritardo sempre maggiore – negli ultimi anni.
Il reiterato spostamento dei termini per l’approvazione del bilancio di previsione inficia il principio della programmazione di bilancio e frustra le possibilità di attuare manovre incisive di correzione, con riflessi sul rispetto dei vincoli di finanza pubblica.
Quest’anno, come accade ormai spesso a causa dell’incerto quadro istituzionale, sono state concesse le solite proroghe cui il Comune di Origgio a dato seguito continuando ad “amministrare” in nostro territorio in termini di dodicesimi, in parole povere “alla giornata”.
Questa scelta di attendere fino alla fine la proroga data dal Governo evidenzia, di fatto, una modalità che abbiamo ormai imparato a riconoscere negli anni, come la solita incapacità del Sindaco e della sua Giunta nel saper programmare opere e progetti sul territorio.
Arriviamo quindi con un anno di ritardo ad approvare un bilancio che di preliminare a ben poco e che, di fatto, è stato calato dall’alto senza la minima partecipazione del tessuto sociale locale e delle opposizioni.
Il Signor Sindaco ci farà notare che è stato organizzato un Consiglio Comunale Aperto alla cittadinanza e si sono tenuti incontri informali con le Associazioni presenti sul territorio! Al Consiglio Comunale, convocato in maniera del tutto dilettantesca, hanno assistito solamente DUE cittadini; forse uno sforzo preliminare, per pubblicizzare l’evento, avrebbe dato un risultato migliore.
Responsabilità, Trasparenza e Partecipazione dei cittadini: sono i buoni requisiti che un’Amministrazione attenta deve poter vantare. Perché grazie alla partecipazione, i cittadini possono stabilire la qualità dei servizi pubblici locali. Al contrario, non di rado le decisioni delle Amministrazioni rischiano di non essere ben accolte dai cittadini, di provocare conflittualità e rallentamenti nella fase delle scelte o nella realizzazione delle opere.
Molti sono i Comuni che hanno approvato il Bilanci di Previsione a cominciare dal mese di luglio.
Molti sono le Amministrazioni Comunali che hanno coinvolto con una informazione puntuale i cittadini e diventano sempre più quei Comuni che vedono nella partecipazione dei cittadini nella formazione del bilancio, uno strumento di trasparenza e democrazia.
Avviare processi di decisione partecipata che siano strutturati secondo metodologie ben definite, permette di instaurare un rapporto più collaborativo tra l’Amministrazione pubblica ed i cittadini.
Costruire e condividere le scelte sulle politiche pubbliche con coloro che, insieme all’Amministrazione, vivono quotidianamente il territorio – le associazioni e i cittadini – sembra poter essere la risposta per superare questa difficoltà.
La stessa Amministrazione, ascoltando direttamente dai cittadini le loro priorità, può acquisire un ampio patrimonio di conoscenze, maggiormente corrispondente alle esigenze reali della popolazione e quindi affrontare al meglio la gestione del territorio in tutta la sua complessità.
Il gruppo Insieme per Origgio non può che dissentire da questa scelta politica miope e priva di qualsiasi capacità di saper dare risposte esaustive e concrete alle istanza di tutta la cittadinanza.

Dic 4, 2013 - opinioni, Politica    No Comments

Voterò per Gianni Cuperlo!

header

Voterò per Cuperlo, perché stiamo scegliendo il Segretario del Partito Democratico, non un’altra cosa!
Al dilemma, tra eleggere un Segretario che si occupi solo del Partito e un Segretario che sia anche Candidato alla Presidenza del Consiglio, ho dato la mia risposta! Ritengo che chi sarà eletto si deve occupare solamente del Partito. È stato già detto da molti: i Governi e i relativi Presidenti cambiano, il Partito Democratico rimane, deve rimanere!
Ora abbiamo bisogno di eleggere un Segretario che si occupi a tempo pieno di organizzare il Partito; il Candidato alla Premiership sarà da scegliere al momento opportuno e di certo non rappresenterà il solo PD, ma una coalizione nel centrosinistra.

Perché Gianni Cuperlo?
Per cultura e per sensibilità, Gianni Cuperlo, non fa della corsa alla segreteria una sfida di carattere individualistico; la cosa che finora ho visto prevalere nelle altre due candidature è stata soltanto una pulsione di leadership individuale. Al PD serve un segretario a tempo pieno che s’impegni a farne un Partito che mantenga i legami con il mondo del lavoro, che ne crei di nuovi nel vasto popolo dei non garantiti. Il PD deve mettere tra le sue priorità la lotta contro la povertà, le diseguaglianze, le ingiustizie sociali, altrimenti esce dal “campo” dei Progressisti, dei Partiti della sinistra che mettono al centro della loro azione l’equità, quale base per affermare i propri valori.

Io “sostengo” e porto avanti le mie idee, i miei valori!
La mia visione, la lettura della realtà, le soluzioni, i percorsi da seguire, sono ben contenuti nella proposta di Cuperlo. Della piattaforma congressuale di Cuperlo condivido la sua idea di società: tutti devono avere pari opportunità di partenza. Da troppi anni abbiamo visto aumentare le diseguaglianze, e se non è la politica ad affrontare il problema, se non è il principale Partito della sinistra a impegnarsi per un cambiamento, non vedo proprio chi lo debba fare.
Mi auguro che Cuperlo vinca, che le idee, i valori, i progetti enunciati si concretizzano, certo è che Matteo Renzi ha molte più probabilità di successo. Quel che è certo è che un buon risultato di Cuperlo può garantire che il PD come unità organizzata della sinistra non si dissolva.
Sono convinto che il PD abbia senso se si muove in continuità con l’esperienza dell’Ulivo, se mette insieme culture diverse del riformismo italiani, l’idea della cittadinanza attiva, di partecipazione democratica.

È Gianni Cuperlo a rappresentare il rinnovamento!
Sono molti ad accusare Cuperlo di rappresentare il vecchio, di essere in continuità con il passato!
Io penso che le idee o sono “buone” o “cattive”! Il “rinnovamento” passa attraverso le “buone” idee! Non si tratta a mio parere di idee “vecchie”, sono le idee che hanno dominato negli ultimi decenni che sono da abbandonare.

Voterò per Gianni Cuperlo!
Perché, nelle risposte alle interviste, nei discorsi, negli scritti di Gianni Cuperlo, colgo la sua passione e apprezzo il suo linguaggio!
BATTUTE E SLOGAN HANNO FATTO IL LORO TEMPO.

Nov 26, 2013 - Politica    No Comments

Elezione primarie per il Segretario del PD.

L'otto dicembre io voto perchéSi vota dalle 8:00 alle 20:00.

Hanno diritto di voto le cittadine/i e le elettrici/elettori che hanno compiuto il sedicesimo anno di età.

Cerca il tuo seggio visitando il sito www.primariepd2013.it oppure recandoti al circolo PD più vicino.

* I ragazzi tra i 16 e i 18 anni, gli studenti, i lavoratori fuori sede e i cittadini temporaneamente fuori sede per motivi personali, debbono obbligatoriamente registrarsi online per poter esercitare il diritto di voto. Per tutti la registrazione online si potrà effettuare fino alle ore 12:00 del 6 Dicembre 2013.
Ricordati che prima di prendere la scheda elettorale ti sarà richiesto di firmare l’albo degli elettori delle Primarie e la normativa sulla privacy.

Recati al tuo seggio munito di un documento d’identità e della tua Tessera Elettorale, nonché di 2 euro di contributo per le spese organizzative (gli iscritti al PD non hanno quest’obbligo) e ti sarà consegnata la scheda elettorale per esercitare il tuo diritto di voto.

CANDIDATI pRIMARIEBarra sulla scheda il nome della lista del candidato a Segretario Nazionale del PD che intendi sostenere.

Buone primarie a tutti!

Ott 30, 2013 - Politica    No Comments

Comunicato stampa

PD circolo di OriggioCon lo svolgimento dei congressi di circolo del Partito Democratico, si è completata la prima fase del percorso che porterà alle Primarie per l’elezione del Segretario Nazionale del 8 di dicembre 2013.

Ad Origgio, domenica 27 ottobre, si è svolto il congresso per rinnovare il Coordinamento di Circolo.

All’assemblea congressuale, alla quale hanno partecipato e votato i soli  iscritti, sono stati presentati e discussi, temi e progetti, contenuti nella PIATTAFORMA CONGRESSUALE “DEMOCRAZIA È PARTECIPAZIONE“, presentata dal candidato alla segreteria del circolo.

E’ stato eletto Coordinatore del Circolo di Origgio, Michele Nigro, dopo la nomina del Tesoriere e l’assegnazione delle responsabilità, il coordinamento risulta così articolato:

  • Segretario/Coordinatore: Michele Nigro
  • Vice segretario e Resp. Organizzazione: Fabio Fastidio
  • Resp. Comunicazione: Mario Fornari
  • Tesoriere: Antonio Telesca
  • Membri aggiunti con diritto di voto: Andrea Pinna Consigliere Comunale
  • Consiglio dei garanti: Domenico Ambrosini; Antonio Telesca

Il Coordinamento del Circolo PD di Origgio, augurando buon lavoro al nuovo Segretario, rivolge un caloroso invito, alla partecipazione, a tutti gli iscritti, simpatizzanti, elettori, cittadini di Origgio, per continuare, insieme, un percorso di impegno, che veda ognuno di noi in prima fila per costruire una società più vicina alle attese e ai bisogni della collettività. 

Il Coordinamento del Circolo PD di Origgio

 

La sede di via Dante 105 è aperta tutti i lunedì dalle 21.00

Contattateci per qualsiasi richiesta di informazioni all’indirizzo pdoriggio@gmail.com

Seguiteci anche su http://pdoriggio.blogspot.it/ registrandosi per ricevere la newsletter.

Ott 9, 2013 - opinioni, Politica    1 Comment

La Costituzione si può cambiare!

L’Unità: mercoledì 9 ottobre 2013.
Intervista a Stefano Rodotà.

Rodotà_intervista a l'Unità 9-10-13.JPG

 

———————————————————————————————————————————–

PS: Condivido pienamente il contenuto dell’intervista!

Credo però, che questo non sia lo spirito e l’approccio, che  moltissimi dei partecipanti alla manifestazione del 12 ottobre, in difesa della Costituzione, stanno tenendo. Vedo, in moltissimi difensori della Costituzione, dell’ultima ora, molta arroganza e chiusura al dialogo; non si è disponibili all’ascolto delle ragioni altrui e questo al miglioramento della qualità della Politica, non giova.

Pagine:«12