Nov 28, 2015 - opinioni    No Comments

CONSIGLIO COMUNALE del 27 novembre 2015

(una long run con pit stop)

Stemma

ECCEZIONALE seduta quella di venerdì 27 novembre 2015.

Il Consiglio Comunale iniziato alle ore 16,00 è terminato alle 23,30 circa con un’ora di sospensione intorno alle 20,00; quasi sette ore di discussione per evadere i ventisette punti dall’ordine del giorno.

Il mio giudizio, dato soprattutto come di cittadino (spettatore), é per alcuni versi positivi, ma le mancanze da evidenziare sono parecchie.

Il primo rilievo che voglio muovere é la scarsa presenza di cittadini ad assistere alla seduta.

Nell’ultima ora eravamo soltanto in due; a inizio seduta forse qualcuno in più (si contavano, in ogni caso, sulle dita delle mani).

Sono altre le vie da seguire per allargare la platea di cittadini che assistono ai consigli comunali.

Intanto la discussione è viziata dalla mancanza d’informazione e dalla carenza di preparazione della seduta.

Sicuramente capita nel corso dell’anno la necessità di deliberare in tempi strettissimi, ma investire il Consiglio Comunale, quasi sempre, all’ultimo momento non può essere la regola; ritengo necessario oltre che una documentazione puntuale anche una discussione nelle Commissioni a preparare la seduta del Consiglio e informare i Consiglieri di opposizione e soprattutto i cittadini.

Il Consiglio Comunale deve essere il luogo per una discussione Politica e confrontarsi su proposte condivise o alternative, tutte nel solo interesse del paese.

Le Commissioni comunali, le Consulte di cui è necessario dotarsi, sono il luogo più adatto per informare e fare un primo confronto tra i gruppi consiliari. Sono molti gli argomenti che possono essere affrontati confrontandosi con la cittadinanza: il bilancio preventivo, il piano di diritto allo studio, viabilità, lavori pubblici, etc.

Gli strumenti e le vie a disposizione sono tante: Consiglio Comunale aperto, assemblee pubbliche, Consulte, periodico comunale, questionari, sito web comunale, newsletter, etc.

Tutte iniziative che meritano attenzione e con la perseveranza é possibile ottenere buoni risultati.

Aumentare il numero di cittadini che si occupano di com’è amministrata Origgio deve essere tra gli obiettivi che un Amministratore attento deve avere a cuore.

Interessanti sono state le risposte che l’assessore Di Pietro ha dato alle interrogazioni della La Civica; sarebbe interessante che quelle fossero il punto di partenza di un Progetto per il futuro di Origgio e su cui coinvolgere tutti i protagonisti che operano sul nostro territorio: Industria, Artigiani, Commercianti, Agricoltori, sindacati e i cittadini che devono essere sempre protagonisti e non spettatori.

Ho apprezzato che all’inizio della discussione dell’”APPROVAZIONE DEL PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNALI PER L’ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO ‐ ANNO SCOLASTICO 2015/2016” é stato dato, ai cittadini presenti, una copia del documento; questo ha facilitato parecchio seguire e capire quanto in discussione.

Difficile é stato seguire la discussione sui vari punti che trattavano le “VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015‐2017”.

Ho fatto molta fatica a seguire quanto si è discusso nell’ultima ora, la stanchezza, il sonno mi spingeva ad abbandonare l’aula.

Ho resistito solo per non lasciare da solo l’altro spettatore.

Volevo essere l’ultimo; é stata una gara di resistenza.

CONSIGLIO COMUNALE del 27 novembre 2015ultima modifica: 2015-11-28T20:13:44+00:00da fumet
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento