Dic 8, 2012 - opinioni    No Comments

Ad ognuno la sua via.

432238_305335656248997_1963206654_n

La strada che ognuno di noi percorre è tortuosa, piena di incroci e di incontri.

Avvolte capita di percorrere un pezzo di strada insieme, strade parallele e sinuose che paiono condurre alla stessa meta, poi divergono, poi tornando ad incrociarsi ad incontrarsi o a seguire per sempre percorsi diversi. Con un fratello può capitare tutto questo!

Molto è il “caso” a determinarlo, il più delle volte si nasce nella stessa casa, quasi sempre mamma e papà si danno da fare per dare il meglio alle loro progenie, poi col tempo ognuno sceglie o è costretto ad incamminarsi su una strada per allontanarsi dalle radici e costringerci a ricercare nuova linfa per vivere, per affermarsi.

Così è stato per me, già ai miei quattro o cinque anni il mio destino ha cominciato a divergere ed incrociarsi con gli altri fratelli (due) o sorelle (quattro) cominciando la girandola del viavai da casa, per servire la Patria (servizio militare), per servire il Padrone (lavorare).

Non ho rimpianti o nostalgie dei tempi andati, solo la rabbia di non essere riuscito a gioire pienamente della Famiglia, degli affetti e dell’amore per e dai genitori, per e dai fratelli o sorelle; tutto è sbiadito nella lontananza.

Tutta questa premessa per presentare l’intervista o breve racconto di mio fratello Antonio. In poche parole ed in maniera concisa, lui racconta il cammino fatto e la strada che lo ha condotto sin qua.

Antonio Intervista

Ad ognuno la sua via.ultima modifica: 2012-12-08T16:23:26+01:00da fumet
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento