Browsing "opinioni"
Ott 6, 2010 - opinioni    No Comments

TASSARE CHI SPECULA!

431949989Una piccola aliquota sulle transazioni può dare allo Stato l’1,5% del Pil.

L’idea: quella di tassare chi gioca con la speculazione. L’obiettivo: quello di produrre una somma di denaro tale da: 1) ridurre il debito pubblico dei Paesi Ue; 2) finanziare le politiche sociali e di cooperazione allo sviluppo; 3) scoraggiare le speculazioni-lampo; 4) contribuire a una maggiore stabilità dei mercati finanziari.

Stiamo parlando della Ftt, Financial Transaction Tax (la tassa sulle transazioni finanziarie), quello 0,05% che tanto preoccupa apparati di lobbying, giganti finanziari come Stati Uniti e Gran Bretagna. Eppure l’imposta, definita “ridicola” dal nostro premier Silvio Berlusconi, e propagandisticamente caldeggiata invece dal suo amico d’Oltralpe Sarkozy in sede Onu, potrebbe rappresentare una risorsa importante per dare ossigeno alle casse statali e superare gli effetti di crisi economica mondiale che ancora ci attanaglia.

….

di Cinzia Zambrano : l’Unità

Set 17, 2010 - opinioni    No Comments

RECINZIONE PROVVISORIA.

1548700460Un cartello fissato sulla recinzione che delimita il Parco pubblico di Origgio dal cantiere per la ristrutturazione di villa Borletti e condominio adiacente recita così: “RECINZIONE PROVVISORIA”.

Ormai sono anni che nel Parco pubblico, persiste una situazione critica e di degrado.

Critica è la situazione della porzione di parco aperta al pubblico; il degrado impera nelle zone del cantiere delimitate da una “RECINZIONE PROVVISORIA”.

La criticità stà nella precarietà e nel degrado di una recinzione che per sua natura il compito doveva svolgerlo in un arco temporale limitato e non diventare una struttura “permanente”. La recinzione che doveva essere una barriera per tenere i bambini lontano dal pericolo è diventata essa stessa fonte di pericolo, gli ostici passaggi tra le lamiere che costituiscono parte della recinzione per andare a recuperare i palloni o curiosità e solamente il voler trasgredire, che sono nell’indole

965154060dei ragazzi, sono possibili fonti di gravi infortuni. Oltre queste precarie barriere il degrado e l’incuria lasciano campo libero alla crescita di sterpaglie dove la proliferazione dell’ambrosia, zanzare e quant’altro, trovano il loro habitat. I molti bimbi che attualmente nelle belle giornate frequentano il parco avranno la fortuna di vederlo risanato e di poterci giocare in libertà senza barriere e senza “infestanti” di varia natura?

Lug 2, 2010 - opinioni    No Comments

“. SOLO POLEMICHE E CHIACCHIERE!”

Lega-1Origgio; Consiglio Comunale  del  1 luglio 2010.

Nel corso della discussione del bilancio di previsione 2010 dai banchi della maggioranza, (Lega Nord per l’indipendenza della padania, PdL, UdC), è stato lanciato, a mo’ di anatema: “… in questo Consiglio Comunale, negli anni passati, non si è mai fatto politica …”

La frase era da completare, a mio parere, con un “… solo polemiche e chiacchiere!”.

Polemiche: sono quelle che hanno contraddistinto la passata Amministrazione!

Chiacchiere: sono i contenuti del programma elettorale, poi denominato “Libro dei Sogni”, dell’attuale Amministrazione!

Il “Libro dei Sogni” con l’approvazione del Bilancio di previsione è stato messo nel cassetto e si è torna a non far politica; delle circa 130 promesse, fatte in campagna elettorale ai cittadini di Origgio, cosa resta?

Quale Politica/interventi  quest’Amministrazione intende portare avanti per “Governare” la nostra cittadina?

Governare vuol dire affrontare i problemi e indicare soluzioni se non a risolverli!

Nel bilancio triennale e di previsione approvati, non ho letto o sentito niente che facesse riferimento alla creazione di “una Commissione anticrisi, attraverso il coinvolgimento delle realtà produttive, delle forze sociali, e sindacali, per sostenere concretamente le famiglie dei lavoratori disoccupati.” Si è parlato di potenziamento dello ”Sportello Lavoro Comunale”non si è andato oltre all’enunciazione del titolo, quali sono stati gli obiettivi raggiunti e futuri di questo “innovativo servizio”?

Cosa intende fare, quest’Amministrazione per garantire a tutti noi “uno sviluppo intelligente del territorio”? In questo bilancio la meta degli investimenti è dedicato a realizzare nuove strade, rotonde, manutenzione strade, senza nessuna programmazione per il futuro, senza un piano urbanistico, un piano per far rivivere il centro di Origgio, per riportare tutto a misura d’uomo. Nella sostanza nessun progetto per il futuro!

Affermando di non far politica: si intende continuare senza nessuna programmazione dell’uso del territorio, dei servizi, degli standard urbanistici, etc. che sono a garanzia di una migliore qualità della vita?

Affermando di non far politica: si lascia il territorio in mano alla speculazione si lascia campo libero agli interessi dei singoli, dei forti, e sicuramente il bene della Comunità è secondario è un optional buono per la campagna elettorale!

Affermando di non far politica: ci si nasconde, ci si ammanta di candore verginale e si è sempre pronti a dispensare colpe ad altri, a chi c’era prima, a chi non c’è più.

Sono stufo di chi afferma:”… qui non si fa politica!”.

Sono stufo di chi dice che lui non fa politica! … se quello che lui fa non è politica, cos’è?

Anche la cura dei propri affari è politica, … un’altra politica che a molti cittadini di Origgio non interessa.

Giu 14, 2010 - opinioni    No Comments

… in difesa dell’acqua pubblica.

ORIGGIO: Raccolte 450 firme in difesa dell’acqua pubblica.

1668829101

450 firme in due giorni, sabato 12 e domenica 13 giugno, raccolte al gazebo allestito ad Origgio.

Un risultato straordinariamente positivo che ha sorpreso tutti noi volontari, impegnati nella raccolta di firme per i 3 referendum per cancellare norme che privatizzano l’acqua.

Un risultato eccezionale per Origgio che si è potuto raggiungere, in solo due giorni, grazie all’impegno e all’entusiasmo di decine di cittadine e cittadini che vogliono conservare l’acqua un bene a disposizione di tutti.

Un ringraziamento mio personale a tutti quelli che si sono impegnati per la riuscita della raccolta di firme, che hanno dato un esempio di attenzione e partecipazione che fa ben sperare anche nell’esito finale che uscirà dalle urna e, … e perché no, per la libertà d’informazione nel paese e il risveglio civile dei territori.1349291213

Per saperne di più:

http://www.acquabenecomune.org/raccoltafirme/

Mag 28, 2010 - opinioni    No Comments

GLI SPRECHI È NECESSARIO TAGLIARLI, SEMPRE!

998261966Finalmente Silvio Berlusconi scende dal piedistallo.

Presenta la manovra economica con Tremonti e per la prima volta pronuncia la parola “sacrifici”.

Dice il Duce che: “Abbiamo vissuto ad di sopra delle possibilità”. Chi? Quando?

Se è il capo del governo a pronunciare queste parole significa che ha fallito nel suo compito, e si dimentica che in questo periodo solo lui e una cricca di affaristi, sono stati gli unici ad arricchirsi!

Sostengono che è una manovra equa; la pagano in primo luogo i dipendenti pubblici e tutti gli italiani che riceveranno meno servizi e non sempre di qualità e li pagheranno anche qualcosa in più.

Gli sprechi è necessario tagliarli in ogni momento, il miglioramento dei servizi và fatto sempre. Mi pare poco credibile il Governo che predica di fare queste cose in situazioni eccezionali e in occasione di manovre economiche.

Se si vuole discutere seriamente ed intervenire finalmente in maniera equa su fisco ed aiutare le famiglie è necessario partire:

·       Tassazione adeguata di altre fonti di reddito, (rendite finanziarie, patrimoniali, immobiliari,etc.).

·        Aumento delle aliquote IRPEF sugli stipendi che vanno oltre i € 100.000,00 ed un aumento deciso dell’aliquota sugli stipendi che superano € 300.000,00 (Stipendi d’oro non sono più accettabili è necessario porre dei “paletti”).

·         Sgravi fiscali per le aziende che stabilizzano i posti di lavoro.

·         Innalzamento della fascia di esenzione IRPEF .

·         Aumento degli assegni famigliari.

Lo slogan del governo Berlusconi è “Noi non mettiamo le mani nelle tasche degl’Italiani”. Questo è stato un invito ai tanti che non hanno a cuore il bene comune ad evadere le tasse a non pagarle.

Abbiano il coraggio di spiegare la vera alternativa tra:
Pagare meno imposte ed avere servizi di base come sanità, istruzione, sicurezza, etc. prevalentemente privati e di conseguenza pagarseli individualmente; chi avrà i soldi potrà pagarseli chi non ne ha ne farà a meno; e:
Pagare le imposte per avere servizi di base come istruzione, sanità, sicurezza, etc. prevalentemente pubblici e gratuiti.

Le mani in tasca dobbiamo mettercele e far pagare a tutti le tasse; dobbiamo far prevalere il senso civico della solidarietà e penalizzare fortemente i comportamenti sleali; solo un’adeguata lotta all’evasione fiscale potrà ridurne l’elevata incidenza dell’attuale pressione fiscale sull’economia, sulle famiglie, sugl’individui tutti.

Mag 1, 2010 - opinioni    No Comments

CI STANNO RUBANDO IL FUTURO.

Archimede_ideaCosa stiamo aspettando?

Siamo in attesa di un’idea? Di una buona Idea o del Messia?

Le idee sono nelle nostre teste! Dobbiamo tirarle fuori!

Dobbiamo compiere , in più,  un piccolo sforzo e dare gambe alle nostre idee, dobbiamo farle camminare o correre se ci riusciamo!

È necessario vincere il timore che ci fa pensare di essere inadeguati; il fatto di non riuscire a sfornare GRANDI IDEE ci crea grandi frustrazioni; ed è proprio questo timore queste frustrazioni che ci penalizzano facendoci perdere fin’anche l’autostima

Ci vergogniamo un po’ del fatto che le nostre idee non ci proiettano nel lontano futuro, nell’Utopia, e ci facciano sognare! L’azione svolta, proiettata al futuro, si concretizza soltanto nel presente; è nel presente che noi agiamo ed è sulla nostra azione quotidiana che possiamo agire; tutto ciò che noi facciamo avrà ripercussione sul futuro. Potremo raccogliere i frutti di quanto fatto oggi solamente quando il futuro/il domani diverrà il presente/l’oggi.

Le nostre piccole idee, la somma di tanti piccoli pensieri, la somma di tante piccole azioni se noi riusciamo ad indirizzarle a convogliarle in “Progetti” ci condurranno sicuramente verso tempi migliori, ci consentiranno di uscire da questo lungo tunnel poco illuminato.

Accendiamo la nostra lampadina e il buio farà posto alla luce. 

CI HANNO RUBATO IL FUTURO?

RIPRENDIAMOCELO!!!

Mag 1, 2010 - opinioni    No Comments

LO HA DETTO!

NucleareCarlo Rubbia

“Non esiste un nucleare sicuro. Esiste un calcolo delle probabilità, per cui ogni cento anni un incidente nucleare è possibile: e questo evidentemente aumenta con il numero delle centrali. Si può parlare, semmai, di un nucleare innovativo”.

Apr 2, 2010 - opinioni    No Comments

L’EROE DALL’ALTRO MONDO.

garibaldi

Caro Michele,

il sindaco nella seduta del consiglio comunale di ieri sera ha rimarcato che il “BOSCO DEL CONTE” ha questo nome perche è di proprietà del conte. Nella sostanza i vincoli che l’amministrazione ha messo su qui terreni sono temporali e l’area rimane sempre nella disponibilità del conte e non della comunità. Secondo qualcuno l’interesse privato prevale sul bene comune.

Dio quando concesse ad Eva e ad Adamo l’Eden pose una condizione; per chi ci crede questo dovrebbe essere legge, un monito contro l’egoismo, l’individualismo.

La proprietà deve tornare ad essere una concessione per il godimento individuale di un bene in carico alle disponibilità della comunità.

Oggi la concessione al godimento di un bene lo si deve acquisire con il lavoro e il merito.

La proprietà privata entro certi limiti rimane sempre un abuso.

La proprietà privata oltre certi limiti è un sopruso, è la sottrazione di beni, (anche quelli vitali: aria, acqua, terra, etc.), che devono rimanere nella disponibilità delle comunità ed è la comunità a deciderne le finalità.

Quanti anni ha lavorato il conte per poter acquisire il diritto a decidere che destinazione deve avere il “BOSCO DEL CONTE”. Quali meriti può vantare per addurre il diritto di costruire secondo il suo solo interesse in quell’area.

Il diritto di proprietà privata che il conte vanta si basa solamente sulla pesante eredità dei soprusi commessi dai suoi avi per accaparrarsi le terre, affamando contadini e villani dell’epoca, e questo non è certo un merito da portare a vanto.

Un sincero saluto dal tuo amico.

Giuseppe Garibaldi

24 marzo 1848

Feb 27, 2010 - opinioni    No Comments

Sciopero degli stranieri.

immigrazione3272_imgStranieri, non tanto dal punto di vista anagrafico, ma perché estranei al clima di razzismo che avvelena oggi l’Italia.

Il 1° Marzo 2010 si terrà lo sciopero degli immigrati.

Che cosa succederà quando molti dei quattro milioni e mezzo d’immigrati che vivono in Italia decideranno di incrociare le braccia per un giorno, di protestare contro la mancanza di diritti “elementari” nella “Nostra” Italia?

Che cosa succederà se insieme a loro ci saranno milioni di “Italiani”, stanchi del razzismo, a sostenere la loro azione, le loro rivendicazioni?

Succederà che la “Democrazia” ne uscirà rafforzata; si difenderanno i diritti conquistati negli anni passati dai nostri “Padri”, (posto di lavoro stabile, orario di lavoro, paga sindacale, tutela della salute, etc.), continuamente messi in discussione da politiche economiche miopi.

Si può vivere “MEGLIO” soltanto rafforzando e ottenendo uguali diritti per tutti!

Autoctoni e immigrati, uniti nella stessa battaglia di civiltà.

Feb 26, 2010 - opinioni    No Comments

ABOLIAMO LA PRESCRIZIONE!

bilanciaChe i processi durino una “vita”, è sicuramente una ingiustizia!

Occorre che il procedimento per arrivare alla sentenza definitiva si svolga in tempi certi. La lungaggine dei processi alimentano la percezione, negativa, che la legge non sia uguale per tutti.

Che il processo si concluda senza l’assoluzione o la condanna dell’imputato colpevole e senza nessun risarcimento per la parte lesa, è un’ingiustizia ancora più grave!

La prescrizione dei reati crea una ingiustizia; la vittima, chi ha subito un danno non riceve nessun risarcimento. Nessun processo deve arrivare a sentenza con la prescrizione del reato, ma l’imputato dal processo deve uscire assolto o condannato ed espiare la pena che non può che essere proporzionale al reato commesso.

Il meccanismo della  prescrizione funziona in questo modo: il sig. Sempronio è colpevole, ci sono tutte le prove; però dal tempo che il reato è stato commesso è passato un po di tempo. Quindi? Ha violato la legge ma il tempo della punizione è scaduto!

Una riforma della giustizia: deve permettere di superare i giochetti degli azzeccagarbugli, (ma questi davvero vogliono il processo breve?); deve eliminare la disuguaglianza del fatto che chi può permetterselo perché può pagare si salva sempre.

ABOLIAMO LA PRESCRIZIONE!

Pagine:«1...678910111213»